domenica 27 maggio 2018 ..:: Vai all'elenco di tutti i nostri forum ::..   Accedi
:: Home » Geranio (Pelargonium) » preparazione alla coltivazione dei gerani
Autore Messaggi
Stella

Messaggi : 4
Locazione Geografica : Non Disponibile
Pubblicato Il : 16/01/2007 08.13.26  

Ciao a tutti. 

Scusate se farò pasticci ma non sono molto pratica di forum. Scrivo per esporvi un'idea ed avere da voi consigli.

Quest'anno ho deciso di sistemare sul bordo del terrazzo, dei vasi pensili, dove voglio mettere tanti gerani, di tanti colori. Ora, non ho mai avuto grande successo con le piante ma da quel che mi dicono le mie amiche forse, tentando con i gerani (che tra l'altro mi piacciono molto) riuscirò ad avere finalmente un balcone fiorito e a non ucciderne troppe.

Sono molto entusiasta di questa idea per cui, considerando che siamo a gennaio e secondo il calendario tra un paio di mesi sarà primavera, potrò piantare i miei gerani.

Ora perchè vi sto scrivendo, direte voi. Bene vi scrivo per avere consigli su quali tipi di gerani mettere, come sistemarli, come coltivarli, insomma qualche notizia in generale per iniziare da subito nel modo giusto e non fare troppi pasticci.

Grazie per l'aiuto che vorrete darmi.

Stella

camilla


Messaggi : 119
Locazione Geografica : trentino

esperto

Pubblicato Il : 16/01/2007 10.39.14  

ciao, da quale zona scrivi? Io per esempio sto in trentino e qui in estate la maggior parte dei balconi sono colorati da splendide cascate di gerani. Anche io li trovo molto belli e facili da tenere, due anni fa ho provato con le surfinie  una disperazione..... Io metto sempre i gerani parigini, il primo anno li ho presi ai primi di maggio e ai primi caldi li ho piantati nelle vaschette con un un buon terriccio per piante da balcone e poco concime di quello a palline. Ne ho messi 3 per ogni vaschetta da 60 cm e per i primi giorni li ho tenuti per terra appoggiati contro al muro del balcone per farli abituare alle temperature. A questo punto li ho appesi, annaffiature abbondanti quando la terra è asciutta, un pò di sequestrene o concime liquido per gerani una volta a settimana (dosi dimezzate rispetto a quelle consigliate). Poi se hai un posto per tenerli (una soffitta o un garage con finestra) li puoi tenere da un anno all' altro semplicemente mettendoli con la vaschetta davanti alla finestra e lasciandoli stare, senza annaffiare e concimare. Verso febbraio di solito li tratto con un prodotto per i pidocchi e quando le temperature diventano un pò piu' miti li "pelo" dalle foglie secche. Con l' arrivo della primavera nascono i nuovi getti verdini, a quel punto riprendo gradualmente ad annaffiare e un paio di settimane prima di metterli all' esterno li concimo. Li tengo un pò a ridosso del muro della casa e poi li espongo. Quelli vecchi diventano piu' lunghi, ma anche quelli appena presi danno soddisfazione! L' anno scorso li ho presi nuovi perchè i vecchi son gelati per l' inverno particolarmente rigido, erano piccini e a fine settembre erano lunghissimi  . Quelli zonali invece non danno quell' effetto di cascata sul balcone ma hanno splendidi colori e sono facili da riprodurre. Io devo dire che non li amo particolarmente . Spero di non averti fatto ancor piu' confusione , ciao 

 

Orietta
nikole


Messaggi : 133
Locazione Geografica : Lombardia

esperto

Pubblicato Il : 16/01/2007 14.26.05  

Ciao, condivido quanto ha detto Camilla, ma io li poto alla ripresa vegetativa (febbraio) riducendo a metà i fusti e tagliando quelli secchi o poco sviluppati; così diventano più "pieni" perchè formano tanti getti laterali. Poi stai attenta alla "farfallina" che in questi ultimi anni sta mietendo vittime; adesso non ho presente il tipo di prodotto e le modalità, ma ti conviene trattare le piante con un insetticida. Ti farò sapere il principio attivo e le modalità, ma spero che qualcuno ne sappia più di me e ti possa trasmettere notizie migliori!!

Mi è venuto anche in mente: trapianta piante della stessa varietà (io preferisci i gerani "edera") per evitare una crescita disordinata o diverse esigenze di acqua e concimazione.

Stella

Messaggi : 4
Locazione Geografica : Non Disponibile
Pubblicato Il : 17/01/2007 07.51.06  

Ciao a tutte. Grazie per le tante informazioni però aspettate un attimo fatemi ricapitolare.

Allora, io abito in Liguria, per cui non ho grossi problemi di temperatura troppo rigida ed il balcone dove li voglio sistemare dovrebbe essere esposto a sud se non ho fatto troppo casino nel capire come sta messo il nord.

Allora, li posso comprare ad aprile (considerando che da noi fa meno freddo del trentino) poi  li sistemo nei vasi lunghi, quelli adatti per le fioriere da balcone, in gruppi omogenei per avere dei vasi uniformi come crescita. Uso un buon terriccio fertile dove mescolo del concime che si rilascia gradualmente. Poi li tengo qualche giorno sul balcone ma in posizione riparata per farli abituare alla nuova sistemazione e poi li sistemo al loro posto. Dopo di che acqua quando la terra è asciutta e concime una volta la settimana.

Poi mi dite di tenere sotto controllo i pidocchi e le farfalline (Nikole cosa sono?)

Ho capito bene? 

Per che tipo di gerani comprare, ho cercato le foto su internet per rendermi conto e ho trovato veramente tanti tipi. Carini i gerani edera che da quel che ho capito dovrebbero essere i parigini, che ce ne sono di tanti colori e fanno i fiorellini molto più delicati rispetto ai gerani classici e sono  ricadenti. Pensavo anche un po' di gerani odorosi che profumano (e poi dicono che fanno allontanare le zanzare).

Credo che il mio balcone così sarà più che colorito e profumato.

Sono molto contenta.  

Stella 

lycia

Messaggi : 5
Locazione Geografica : Ligura (golfo dei poeti)
Pubblicato Il : 25/01/2007 08.01.43  
Ciao! anche i miei gerani zonali (splendidi con fiori di un bellissimo rosa tenue)sono stati attaccati da quella micidiale farfallina anche carina se vogliamo che buca il  fusto(piuttosto robusto quello zonale)e immette le uova che diventano poi larve e queste  si nutrono della linfa sino a far marcire tutto irrimediabilmente.Vorrei sapere da qualcuno di voi con quali prodotti si può anticipatamente combattere il Killer!!!!Grazie .  BAY    Lycia
Lycia
nikole


Messaggi : 133
Locazione Geografica : Lombardia

esperto

Pubblicato Il : 25/01/2007 10.34.04  
Allora, la farfallina è il Cacyreus Marshalli, un insetto africano che ora si ritrova anche da noi con le alte temperature; è bruno, con macchioline beige e marrone scuro, la riconosci perchè svolazza intorno alle tue piante! Io ho usato Actara (1 cucchiaino di caffè in 1-2 litri per spruzzare la chioma; poi il resto della bustina in 7-8 litri per innaffiare. Però ...... non sono stata costante, anche perchè non avevo capito se dovevo trattare tutte le settimane o tutti i mesi, fatto sta che l'hanno presa lo stesso a fine stagione. A proposito, domando a chi ne sa di più: cosa sono quello specie di piccole uova gialle, che schiacciandole, contengono un liquido quasi trasparente e che ho notato sia nei gerani che in una delle mie Aspidistra?!?  CIAO
Maria Giovanna

Moderatore

Messaggi : 424
Locazione Geografica : Sardegna

admin

Pubblicato Il : 29/01/2007 13.01.29  

Questa farfalla assai carina è diventato un vero incubo.

Ha diversi nemici naturali che però in Italia non ci sono in quanto l'abbiamo importata abbastanza recentemente dal sud Africa

Quelle specie di uova giallastra potrebbero essere proprio le uova che hanno un colore bianco-giallastro.  Ma le hai viste d'estate, non adesso. In genere la deposizione delle uova avviene a fine agosto e sulle infioresce e sui boccioli fiorali.

Il grosso problema di questa farfalla sono le larve che già appena nate, mangiano i tessuti fogliari ed entrano dentro i tessuti scavando delle vere e proprie gallerie. 

Passa attraveso 4 stadi larvali che durano all'incirca una settimana ciascuno.

Poi si forma la crisalide che impiega circa due settimane per sfarfallare. Nell'arco di un anno può compiere fino a sei generazioni. Tutto dipende però dalle temperature. Più sono alte, più il suo ciclo di accorcia.


Crisalide 


Non è particolarmente problematico combatterlo. Ti consiglierei di usare il "Bacillus thuringensis" che è un batterio normalmente utilizzato nella lotta biologica che una volta ingerito, libera delle tossine che uccidono l'ospite (non è nocivo per l'uomo).

Ciao MG

P.S. Hai notato le stesse uova sull'Aspidistra????

nikole


Messaggi : 133
Locazione Geografica : Lombardia

esperto

Pubblicato Il : 29/01/2007 14.12.42  

Grazie delle "belle" immagini! Le "uova" che vedo io non sono sugli organi epigei, ma sul terreno; mi è capitato spesso di trovarle nel terriccio di piante tipo gerani e ..... SI' .... anche in una delle mie Aspidistra e non ho mai capito cosa sono, ma da quello che hai detto non c'entrano con la farfallina. Ti manderei una foto, ma non ho la macchina fotografica!!!

Dove si trova questi "Bacillus thuringensis"? Ciao

Maria Giovanna

Moderatore

Messaggi : 424
Locazione Geografica : Sardegna

admin

Pubblicato Il : 02/02/2007 01.25.28  

Sull'argomento ho aperto una nuova conversazione "Allora, la farfallina è il Cacyreus Marshalli, un insetto africano " perchè ho fatto un po' di casino .... in effetti siano passate a parlare della Cacyreus in una conversazione sulla preparazione alla coltivazione dei gerani ...... sono una casinara come moderatore ... abbiate pazianza ... 

MG

 

aspirante

Messaggi : 5
Locazione Geografica : Non Disponibile
Pubblicato Il : 07/11/2008 08.02.52  
nikole detto :

Grazie delle "belle" immagini! Le "uova" che vedo io non sono sugli organi epigei, ma sul terreno; mi è capitato spesso di trovarle nel terriccio di piante tipo gerani e ..... SI' .... anche in una delle mie Aspidistra e non ho mai capito cosa sono, ma da quello che hai detto non c'entrano con la farfallina. Ti manderei una foto, ma non ho la macchina fotografica!!!

Dove si trova questi "Bacillus thuringensis"? Ciao

slave a tutti, mi chiamo lorenzo, scusate se riprendo in mano questo argomento ma cercando sul web una risposta al mio problema, ho letto le frasi che ho quotato.
Ho un azalea che mi è stata regalata, mi è capitato di trovare nel terreno dei grappoli di sferette gialle che schiacciandole producono un liquido trasparente, prorpio come quelle descritte nel post di nikole.

Ecco la foto di una sferetta:

http://img148.imageshack.us/my.php?image=cimg5180cz2.jpg

per caso qualcuno ha capito di che si tratta?

abbiamo avuto lo stesso problema?


lilybhet80


Messaggi : 455
Locazione Geografica : Sardegna - oristano

guru-moderatore

Pubblicato Il : 08/11/2008 01.08.58  

Ciao Lorenzo, nella mia ignoranza mi sembrano uova di lumaca.. hai controllato se nel terreno ci sono delle lumachine piccoline? Anche quelle senza guscio.. Se fosse questo tipo di farfalla descritta sopra, troveresti dei piccoli puntini neri che dovrebbero essere (scusa la parola) gli escrementi che emette il "vermicciatolo", e le foglie le troveresti  buccherellate. In più non si riproduce tramite uova ma tramite bozzoli, quindi il mio consiglio è quello di svasare l'azalea e sostituire il terreno ( per acidofile), non è il periodo adatto ma se dici che hai trovato molte uova credo ci sia una bella nidiata all'interno. Poi munisciti di lumachidica che non fa mai male...se le dai spazio non ti ritrovi più la pianta!

A presto!

Frà
aspirante

Messaggi : 5
Locazione Geografica : Non Disponibile
Pubblicato Il : 11/11/2008 02.18.00  
penso che possa servire a tutti.
Ho scoperto che si tratta semplicemente di un concime chiamato osmocote, quindi niente uova



auryxx


Messaggi : 1019
Locazione Geografica : lazio

guru-moderatore

Pubblicato Il : 13/11/2008 14.22.11  

Ciao aspirante,

alcuni concimi granulari possono essere scambiati per uova come nel tuo caso.

Grazie per aver  postato la foto.

Aurora ***Un buon orchidofilo è colui che unisce l'esperienza alla conoscenza***
« Precedente   1 / 1   Successivo »
Copyright 2008 Elicriso, Tutti i Diritti Riservati   Condizioni d'uso  Privacy