domenica 25 febbraio 2018 ..:: Vai all'elenco di tutti i nostri forum ::.. Registrati  Accedi
:: Home » Geranio (Pelargonium) » Allora, la farfallina è il Cacyreus Marshalli, un insetto africano
Autore Messaggi
Maria Giovanna

Moderatore

Messaggi : 424
Locazione Geografica : Sardegna

admin

Pubblicato Il : 02/02/2007 01.22.23  

Scusate ma, anche io sono nuova come moderatore e mi distraggo facilmente presa dalle conversazioni. Riporto in un'altra conversazione quelle relative alla Cacyreus, così chi è interessato all'argomento lo trova facilmente.

MG

---

Ciao, condivido quanto ha detto Camilla, ma io li poto alla ripresa vegetativa (febbraio) riducendo a metà i fusti e tagliando quelli secchi o poco sviluppati; così diventano più "pieni" perchè formano tanti getti laterali. Poi stai attenta alla "farfallina" che in questi ultimi anni sta mietendo vittime; adesso non ho presente il tipo di prodotto e le modalità, ma ti conviene trattare le piante con un insetticida. Ti farò sapere il principio attivo e le modalità, ma spero che qualcuno ne sappia più di me e ti possa trasmettere notizie migliori!!

Nikole

------------------------------

Ciao! anche i miei gerani zonali (splendidi con fiori di un bellissimo rosa tenue)sono stati attaccati da quella micidiale farfallina anche carina se vogliamo che buca il  fusto(piuttosto robusto quello zonale)e immette le uova che diventano poi larve e queste  si nutrono della linfa sino a far marcire tutto irrimediabilmente.Vorrei sapere da qualcuno di voi con quali prodotti si può anticipatamente combattere il Killer!!!!Grazie .  BAY    Lycia

----------------------------

Allora, la farfallina è il Cacyreus Marshalli, un insetto africano che ora si ritrova anche da noi con le alte temperature; è bruno, con macchioline beige e marrone scuro, la riconosci perchè svolazza intorno alle tue piante! Io ho usato Actara (1 cucchiaino di caffè in 1-2 litri per spruzzare la chioma; poi il resto della bustina in 7-8 litri per innaffiare. Però ...... non sono stata costante, anche perchè non avevo capito se dovevo trattare tutte le settimane o tutti i mesi, fatto sta che l'hanno presa lo stesso a fine stagione. A proposito, domando a chi ne sa di più: cosa sono quello specie di piccole uova gialle, che schiacciandole, contengono un liquido quasi trasparente e che ho notato sia nei gerani che in una delle mie Aspidistra?!?  CIAO

Nikole

------------------------------

Questa farfalla assai carina è diventato un vero incubo.

Ha diversi nemici naturali che però in Italia non ci sono in quanto l'abbiamo importata abbastanza recentemente dal sud Africa

Quelle specie di uova giallastra potrebbero essere proprio le uova che hanno un colore bianco-giallastro.  Ma le hai viste d'estate, non adesso. In genere la deposizione delle uova avviene a fine agosto e sulle infioresce e sui boccioli fiorali.

Il grosso problema di questa farfalla sono le larve che già appena nate, mangiano i tessuti fogliari ed entrano dentro i tessuti scavando delle vere e proprie gallerie. 

Passa attraveso 4 stadi larvali che durano all'incirca una settimana ciascuno.

Poi si forma la crisalide che impiega circa due settimane per sfarfallare. Nell'arco di un anno può compiere fino a sei generazioni. Tutto dipende però dalle temperature. Più sono alte, più il suo ciclo di accorcia.


Crisalide 

Non è particolarmente problematico combatterlo. Ti consiglierei di usare il "Bacillus thuringensis" che è un batterio normalmente utilizzato nella lotta biologica che una volta ingerito, libera delle tossine che uccidono l'ospite (non è nocivo per l'uomo).

Ciao MG

P.S. Hai notato le stesse uova sull'Aspidistra????

------------------------------

Grazie delle "belle" immagini! Le "uova" che vedo io non sono sugli organi epigei, ma sul terreno; mi è capitato spesso di trovarle nel terriccio di piante tipo gerani e ..... SI' .... anche in una delle mie Aspidistra e non ho mai capito cosa sono, ma da quello che hai detto non c'entrano con la farfallina. Ti manderei una foto, ma non ho la macchina fotografica!!!

Dove si trova questi "Bacillus thuringensis"? Ciao

Nikole

Maria Giovanna

Moderatore

Messaggi : 424
Locazione Geografica : Sardegna

admin

Pubblicato Il : 02/02/2007 03.00.49  

Si hai ragione, sono stata vaga.   

Allora il Bacillus thuringinesis attivo contro le larve dei lepidotteri è la varietà Kurstaki ed in particolare il ceppo HDI.

Ne esistono più di 25 varietà di B.T., ognuna specifica contro determinate larve. Questa che ti ho indicato è attiva per le larve dei lepidotteri, in particolare contro quelle che si nutrono dell'apparato fogliare. Tieni conto che è attivo solo contro le larve, che poi nel nostro caso sono quelle che provocano il dannoma non sulle farfalle e le uova che puoi eliminare manualmente se la quantià dei tuoi gerani non è eccessiva.

Sono tante le case che li producono, te ne dico alcune:

1) AGREE  distribuito dalla Certis Europe B.V. ed è composto sia dal B. Thuringensis Kurstaki HDI che dal B. Thuringensis Aizawi

2) BIOBIT  DF distribuito dalla Isagro Italia, sempre a base di B. Thuringensis Kurstaki HDI

3) BOLAS BT della Sipcam sempre a base di B. Thuringensis Kurstaki HDI

4) BTK 32 della Agribiotec sempre a base di B. Thuringensis Kurstaki HDI

5) DIPEL DF della della Siapa sempre a base di B. Thuringensis Kurstaki HDI.

Vanno tutti bene, variano solo per la percentuale di principio attivo cioè di Bacillus T. Se anche lo trovi di altre marche, va bene lo stesso, l'importante che sia Bacillus Thuringensis Kurstaki  ceppo HDI.

Li puoi trovare o da un buon vivaista o nei consorzi agrari.

Non sono tossici per l'uomo.

E' un insetticida naturale che agisce dall'interno della larva. Infatti mangiando le foglie, la larve mangia anche il B.T. che produce un cristallo proteico che giunto nell'intestino della larva viene trasformato grazie all'acidità presente nello stomaco, in un composto estremamente tossico che provoca nella larva la paralisi della bocca e di parte dell'intestino con conseguente invasione del contenuto intestinale in tutto il corpo e quindi la morte che tra l'altro avviene rapidamente, in pratica da poche ore a qualche giorno, a seconda della diversa sensibilità delle larve. Se anche una larve riesce a sopravvivere e a impuparsi, gli adulti che nascono sono solitamente più piccoli, deformi e sterili. 

Pare brutto detto così ........... però funziona,

Ciao

MG

« Precedente   1 / 1   Successivo »
Copyright 2008 Elicriso, Tutti i Diritti Riservati   Condizioni d'uso  Privacy